Come far nascere i semi sul cotone idrofilo

Questo esercizio si effettuava a scuola tanti anni fa quando nell’ora di scienze, l’insegnante spiegava come nascono le radici di un seme. E’ molto facile ma ai bambini piace tanto e rimangono incantati ad osservare la trasformazione che ogni giorno avviene al seme. Perchè succede davvero qualcosa quotidianamente! Il seme dapprima appoggiato sul cotone idrofilo, ogni mattina subisce un leggero mutamento fino a che impianta le sue radici nella base su cui è stato posto.

 

Istruzioni

  1. Preparate del cotone idrofilo e qualche seme a vostro piacere.

  2. Munitevi di un contenitore di plastica o anche di bicchieri monouso o di tappi di detersivo abbastanza grandicelli.

  3. Sulla base del contenitore, ponete uno strato di cotone idrofilo, l'ovatta per intenderci e bagnatela con qualche goccia di acqua del rubinetto. Se volete fare un servizio ancora migliore, riempite una bottiglietta con l'erogatore a spruzzo ed irrorate l'ovatta.

  4. Su di essa a distanza di un paio di centimetri l'uno dall'altro, ponete dei semi. Di solito si usano i fagioli o le lenticchie. Ogni mattina dovete irrorare d'acqua l'ovatta.

  5. Adesso che i semini sono al calduccio sullo strato d'ovatta, ubicateli in casa o sul terrazzo, in un posto lontano da intemperie dove possano ricevere la luce del sole. Ogni mattina con l' erogatore a spruzzo, irrorate con acqua fresca i semi e continuate a farlo con costanza, per 5/6 giorni.

  6. Una bella mattina vedrete spuntare le prime radici. Complici l'acqua e la luce del sole, dopo qualche giorno vedrete spuntare ai semini delle piccolissime radici simili a zampette. Continuate ad irrorare l'ovatta e pian piano, le radici diventeranno più lunghe e tenderanno a posizionarsi nel cotone idrofilo.

  7. Aspettate e vedrete crescere una pianticella. Dopo circa una dozzina di giorni, una timida e tenerissima pianticella si affaccerà alla vita. Ci siete riusciti! Con cura e perseveranza, avete dato vita ad una minuscola piantina di fagioli o lenticchie o comunque, del seme che avete posizionato sul cotone idrofilo.

  8. Adesso bisogna invasare le pianticelle. Col passare dei giorni, le piantine non solo fortificheranno le radici ma si allungheranno fino a raggiungere il bordo del contenitore. E' proprio questo il momento, di invasarle e porle nel terriccio. Preparate dei vasi di plastica o di terracotta e riempiteli per tre quarti di terriccio mischiato a della buona torba.

  9. Con gli arnesi da giardinaggio, praticate un foro nella terra giusto al centro del vaso e dopo aver preso delicatamente la piantina, interrate le sue radici e poi con le mani aggiustate la terra attorno al foro che avete effettuato.

  10. Dove mettere le piantine invasate: Adesso che le vostre pianticelle sono al sicuro, ponetele sul balcone in un angolo dove le luce del sole non sia troppo intensa. Continuate ad irrorarle con acqua del rubinetto senza però esagerare. Se avrete cura e costanza, dopo qualche tempo, nasceranno i baccelli e potrete avere a disposizione una splendida pianta di fagioli o del seme che avete piantato.

semi

0 comments

Leave Comment
  1. Pingback: Nutrire i bambini… fuori casa! – Alimentazioneinequilibrio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>