Come educare un gatto. Alimentazione, bisogni e buone maniere

Il gatto è il secondo animaletto da compagnia preferito da adulti e bambini. Anche il vostro amico peloso però, va educato secondo rigidi sistemi se non volete ritrovarvi una casa piena di graffi. Se il gatto è cucciolo è più facile impartirgli una dovuta educazione mentre se è già grandicello o addirittura è un trovatello, insegnargli determinate cose, sarà leggermente più difficile ma mettetevi all’opera con pazienza e vedrete che ci riuscirete.

 

Istruzioni

  1. Come alimentare il vostro amico gatto: innanzitutto, tenete presente che il micio non può mangiare a suo piacimento ma deve rispettare determinate regole. Se è vero che fino ad un anno di età può alimentarsi per quattro volte al giorno è pur vero che dopo tale periodo, deve rispettare una serie di orari prestabiliti. Non date mai del cibo secondo i vostri criteri ma chiedete sempre al veterinario. E' bene sapere che il latte per esempio, fa più bene che male al vostro cucciolotto perchè potrebbe provocargli diarrea e mal di pancia. Alimentatelo invece con del cibo fresco oppure crocchette secche nella dose indicata sulla confezione. Mettete la sua ciotolina sempre nello stesso posto per esempio nel bagno o in un angolo della veranda e sarà la stessa bestiola che quando avvertirà i morsi della fame, miagolerà in quel determinato punto. Dopo che il vostro pelosetto ha mangiato, sciacquate la sua ciotolina per evitare il possibile proliferarsi di germi.

  2. E adesso veniamo ai suoi bisognini: il gatto è solitamente un animaletto molto pulito ma se non trova la sua cassettina provvista di relativa sabbiolina per gatti, sarebbe capace di far pipì o di defecare anche nella terra del vaso di una pianta. Preparategli una cassetta di plastica con della lettiera e vedrete che il micio andrà spontaneamente nella cassetta ad effettuare i suoi bisogni. La cassettina va posta in un posto nascosto perchè i gatti amano avere la loro privacy quindi, ubicatela nel bagno o in un angolo della casa dove il micio sa di non essere visto. Lavate la cassetta molto spesso altrimenti si corre il rischio che il gatto trovandola sporca, vada altrove a fare i suoi bisogni.

  3. Come fare se il gatto spruzza: una pessima abitudine dei mici è quella di spruzzare urina sulle tende o sui divani. Per prima cosa, portatelo dal veterinario per fargli controllare eventuali infezioni alle vie urinarie e poi pulite subito il misfatto perchè purtroppo l'urina dei gatti quando si secca, presenta un odore sgradevolissimo ed il micio tornerebbe a marcare il suo territorio.Se il vostro animale tende a ripetere gli spruzzi, sgridatelo dolcemente ma con estremo rigore.Ricordate di non lavare mai i pavimenti con l'ammoniaca perchè al gatto ricorda vagamente l'odore dell'urina.

  4. Come evitare che il gatto graffi le tende ed i divani: i gatti hanno la cattiva abitudine di affilare le unghiette sui tendaggi e sui divani. Andate in un negozio di articoli per animali ben fornito ed acquistate un "Tiragraffi" che è una sorta di tronchetto su cui il micio si affilerà le unghie senza prendere di mira le tende e le poltrone. Comprategli anche tanti giochini tipo palline o aggeggi rumorosi che lo distoglieranno dal compiere altri misfatti.

cat-portraits1

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>