Come conservare i medicinali in modo sicuro

I medicinali possono essere un elemento importante, a volte anche essenziale, della vita di tutti i giorni. Proprio per questa particolare ragione è fondamentale sapere dove metterli e in che condizioni conservarli. La seguente guida illustrerà come fare.

 

 

Istruzioni

  1. Prima di tutto bisogna separare i medicinali, distinguendo fra quelli che possono essere tenuti a temperatura ambiente e quelli che invece vanno riposti in frigorifero. Nel caso dei farmaci da conservare a temperature molto basse, è importantissimo seguire le indicazioni che accompagnano il medicinale. Gli altri farmaci, invece, vanno riposti in luoghi a temperatura ambiente, per quanto possibile privi di umidità. Gli ambienti umidi potrebbero infatti comprometterli, al punto da renderli inutilizzabili. È importante anche tenerli in un luogo buio, in quanto la luce, specialmente quella del sole, rischierebbe di danneggiarli.

  2. Lo scaffale, il ripostiglio o l'armadietto del bagno sono tre opzioni ottimali per la conservazione dei farmaci, a patto che siano facilmente raggiungibili. In caso di emergenza, infatti, i medicinali devono essere subito accessibili, facendo però attenzione a tenerli al sicuro dai bambini che potrebbero inavvertitamente ingerirli. I medicinali pericolosi vanno tenuti, inoltre, separati da quelli più comuni come le aspirine. Lo stesso discorso vale per i medicinali ad uso veterinario, che non devono essere tenuti insieme a quelli per l'utilizzo umano.

  3. Si consiglia di non disfarsi delle confezioni che accompagnano i farmaci. Infatti le confezioni - e specialmente il foglietto illustrativo che contengono - includono spesso delle informazioni essenziali che potrebbero rivelarsi utili in ogni momento, in occasione ad esempio di una reazione allergica al farmaco oppure per accertarsi che il medicinale non sia scaduto e sia ancora utilizzabile dopo essere stato conservato per certo periodo di tempo. È importante quindi fare attenzione a non mischiare mai fra loro le confezioni e i foglietti illustrativi.

  4. Prima di utilizzare un medicinale, bisogna assicurarsi che l'odore, la consistenza e l'aspetto siano quelli giusti. Nel dubbio è meglio rivolgersi al farmacista, che saprà indicarvi se il farmaco è ancora buono. Una buona idea è quella di annotare, scrivendola con una penna sulla confezione, la data in cui il farmaco viene utilizzato per la prima volta. In questo modo sapremo quanto tempo è passato dall'apertura del contenitore e se il medicinale è ancora valido.

  5. I medicinali non sono considerati alla stregua di tutti gli altri rifiuti e quindi non andrebbero mai gettati via nella pattumiera. Alcuni strumenti per l'automedicazione, come ad esempio le siringhe, possono, infatti, rappresentare un pericolo per gli altri. In farmacia sono disponibili dei contenitori appositi per la raccolta dei medicinali scaduti, ideati appositamente per essere il più sicuri possibili, per chi si disfa dei farmaci in modo che non finiscano inavvertitamente nell'ambiente.

farmaci

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>