Come combattere il mal di testa

Sono poche le persone che possono dichiarare di non aver mai sofferto di emicrania e , si sa, i mal di testa non sono tutti uguali.
Quelli più leggeri si possono ignorare, in poco tempo svaniscono e non lasciano traccia.
Poi ci sono quelli che ci accompagnano tutto il giorno e sono con noi da quando apriamo gli occhi.

 

Istruzioni

  1. Chi si sveglia con un gran mal di testa non deve rintanarsi sotto le coperte ma, anche se sembra assurdo, alzarsi e camminare. Il motivo per cui è consigliato preferire questo comportamento è semplice. Il mal di testa è dovuto ad un ingrossamento dei vasi sanguigni, rimanendo sdraiati è come se il sangue ristagnasse e così le tempie continuano a pulsare. In posizione eretta il sangue scorre verso il basso e di conseguenza si allenta la tensione nella testa e dopo una decina di minuti si dovrebbe cominciare ad avvertire un qualche miglioramento.

  2. Per chi non deve uscire subito da casa per recarsi al lavoro o a scuola può essere utile usare un foulard come fosse una benda e stringerlo intorno alla testa, all’altezza delle tempie, che risulta essere il punto sempre più dolorante. La compressione aiuta il sangue a muoversi più lentamente e quindi a non pulsare in maniera esagerata. In poco tempo il mal di testa dovrebbe diminuire fino a scomparire del tutto. A questo punto sarebbe il caso di uscire all’aperto, ovviamente dopo aver tolto il foulard, per respirare a pieni polmoni e fornire così al sangue una migliore ossigenazione.

  3. Esistono altri sistemi empirici che possono aiutare a debellare il mal di testa. Uno fra i più conosciuti consiste nel prendere due fettine di patata e posizionarle sulle tempie. Se ne ricaverà una sensazione rilassante e antidolorifica.

  4. Anche un massaggio lento, sulle tempie e sul collo, può essere efficace.

  5. C’è chi si affida all’aromaterapia, e chi preferisce una doccia calda che è utile specialmente se i muscoli della schiena e del collo sono contratti. Il loro rilassamento permette una migliore circolazione del sangue.

  6. Di opinione opposta chi usa il freddo, posizionando sulla fronte o comunque nel punto che più fa male, qualcosa di ghiacciato. Chi usa la borsa del ghiaccio e chi, in mancanza di meglio, si arrangia con una busta di surgelati presa direttamente dal freezer.

  7. I rimedi naturali sono tanti e diversi, ereditati dalla nonna o consigliati dalla vicina di casa che sa sempre cosa fare. L’importante è che ottengano il risultato desiderato e ci liberino da quel tremendo cerchio alla testa.

Mal-di-testa-letto

1 comment

Leave Comment
  1. Pingback: Sintomi tipici da carenza di magnesio e conseguenze sulla salute | Guide online

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>