Come collocare in giardino un punto acqua esterno

Vorresti irrigare il giardino, lavarti comodamente la macchina, ma non hai un punto d’acqua esterno? Con questa guida potrai dimenticare qualsiasi cannula collegata all’impianto interno.

Come creare un punto acqua esterno

Per creare un nuovo punto d’acqua devi munirti di una buona dose di pazienza ed attenzione, di un seghetto, collante per pvc, chiave inglese, rubinetti in metallo o pvc e apposite tubazioni.

Oggi il mercato ci permette di scegliere tra le tubazioni classiche in rame, in cui l’assemblaggio avviene tramite delle filettature, o in pvc, sicuramente più moderne e per le quali l’assemblaggio è ad incastro. La scelta dovrebbe ricadere sulle tubazioni in pvc che, oltre ad essere più moderne, sono facili da montare e permettono di essere assemblate sia a luce, sia a traccia.

Passiamo alla creazione del punto d’acqua

Calcola più o meno dove vorresti realizzare il punto d’acqua e traccia idealmente un percorso.
Per evitare il rischio di congelamento, ti occorrerà scavare una buca profonda circa 50 cm e versare sul fondo uno strato di sabbia fine.
A questo punto ti serviranno i tubi in pvc. Collegali tra di loro cospargendo, alle due estremità che andranno in contatto, del collante specifico. Ti basterà, ora, inserirli l’uno nell’altro e compiere mezzo giro con il polso. Prima di proseguire con i lavori ricordati di chiudere la valvola principale di intercettazione dell’acqua.

Stendi il tubo in pvc all’interno dello scavo.
Presta attenzione che il tubo poggi in maniera uniforme e, nel caso di curve, bagnalo con acqua calda per facilitare la sua curvatura.
In questa operazione, se hai dimestichezza con i lavori manuali, puoi aiutarti anche con una termo pistola che ti consentirà di essere più preciso.
Posizionato il tubo, dovrai avere cura di ricoprirlo con sabbia fine, per almeno 10 cm di altezza, e nasconderlo, poi, sotto terra, in modo da riempire l’intero scavo. In questa operazione, però, accertati di lasciare scoperto il tubo su cui andrà collocato il rubinetto.

Una volta passate le tubazioni bisognerà portare l’acqua dalle tubazioni interne alla casa al giardino. Dovrai, quindi preoccuparci del collegamento.
Le tubazioni vanno collegate da una parte all’impianto idrico della casa e dall’altra parte al rubinetto esterno. Munisciti di un seghetto e taglia il tubo.

Lavora, adesso, le estremità dei tubi con una raspa in modo da facilitare il collegamento ai giunti. Inserisci i giunti a compressione, indispensabili per l’attacco all’impinato e al rubinetto, e ruota le ghiere in modo da rendere più facile e stabile il collegamento. L’operazione è conclusa.

Per una maggiore comodità e fruibilità dell’impianto, ricordati di munirti di una chiave inglese e sostituisci, in casa, la chiave di arresto singola con una doppia. In questo modo le due fonti erogatrici di acqua saranno separate e potrai gestirle come meglio preferisci.
Adesso che hai realizzato l’impianto accertati che tutto sia funzionante e che non vi siano perdite di acqua. Potrai tamponare le eventuali falle nelle giunture in pvc tramite del mastice in silicone.

 

 

Come collocare in giardino un punto acqua esterno

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>