Come coltivare il glicine

Caratteristiche tecniche
Il glicine è una pianta bellissima, chi non è mai rimasto affascinato, in primavera, dai suoi abbondanti fiori penduli dai tenui colori sul lilla? Sono davvero incantevoli, uno spettacolo della natura!

E’ una pianta abbastanza rustica, facile da coltivare, predilige una posizione in pieno sole, ma riesce a resistere anche a temperature rigide.

Vegeta bene su vari tipi di terreno, a patto che non siano eccessivamente calcarei.
Si adatta anche alla coltivazione in grossi vasi, l’importante è mantenere il terreno ben drenato e rinnovarlo periodicamente, almeno nella parte superficiale.

* Dettagli del prodotto
La piantagione del glicine avviene in autunno o in primavera, quindi, questo è il periodo giusto per riservargli uno spazio in giardino o sul balcone.
L’importante è scegliere la pianta più adatta ai propri gusti e alla necessità di collocazione.

Esistono alcune varietà di glicine, tra cui il Wisteria sinensis, comunemente detto glicine cinese, cresce in maniera folta, regalando compatti grappoli floreali.
Fa la sua bella figura soprattutto se piantato a ridosso di un muro.

Il Wisteria floribunda, o glicine giapponese, si presta invece a ricoprire pergolati, formando scenografiche, pendule fioriture.

In entrambi i casi, la pianta ha un portamento rampicante, è sempre meglio accostarla a un sostegno, su cui possa avviluppare liberamente i rami.

Il glicine non ha bisogno di particolari cure, tantomeno di disinfestazioni, poichè si ammala raramente. Bisogna solo stare attenti a qualche aggressione da afidi, che tuttavia, grazie alla resistenza della pianta, non assumono mai dimensioni preoccupanti.

Dopo la piantagione, è importante innaffiare spesso, specie nelle giornate calde.
Gli esemplari più adulti, invece, sono in grado di resistere anche alla siccità, proprio perchè hanno radici collocate in profondità. Tuttavia, durante il periodo estivo è bene irrigarle periodicamente.

In primavera, le piante di glicine tendono a coprirsi di nuovi getti, giovani germogli, che è bene indirizzare sui sostegni, per consentire una crescita ordinata.

In tale periodo, è saggio somministrare dei fertilizzanti completi, il trattamento va ripetuto anche in estate.

Anche la potatura assume un ruolo importante per una crescita vigorosa e compatta. E’ un’operazione da fare durante la stagione estiva e quella invernale.
Si tolgono i rami secchi e quelli alla base del tronco, mentre si accorciano quelli laterali e i rametti nuovi.

* Esperienze personali
Ho una pianta di glicine in giardino, messa a dimora alcuni anni fa, a ridosso di un muro. Ho apprezzato da subito il suo portamento robusto e la facilità di coltivazione, cresce al meglio con poche cure e in primavera ha una fioritura che ammalia.

* Prezzo
Il prezzo è relativo all’iniziale acquisto della giovane pianta, altre piccole spese si sostengono per le successive fertilizzazioni. Per il resto, raramente c’è bisogno di prodotti per curare la comparsa di eventuali malattie.

* Svantaggi
Pochi svantaggi, bisogna dedicare alle piante le poche e giuste cure, tra cui la periodica potatura.

* Vantaggi
Il vantaggio è super: una pianta di glicine robusta, che regala splendide fioriture!

gli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>