Come coltivare i gelsomini

Il gelsomino è un arbusto sarmentoso il cui nome scientifico è “Jasminum odorosissimum” appartiene alla famiglia delle Oleacee e comprende più di 200 varietà rampicanti, striscianti ed arbusti eretti provenienti da diverse parti del mondo.

E’ una pianta rampicante a crescita rapida e robusta, con foglie lucide verde scuro e i cui fiori emanano dalle loro piccole corolle bianche un profumo molto intenso, vengono infatti usati per estrarre una pregiatissima essenza.
I fiori bianchi, in grappoli ascellari, costituiscono la sua maggiore attrazione, i tralci, se le condizioni sono favorevoli, crescono rapidamente ed è necessario fornire loro un sostegno per non farli uscire dagli spazi che sono stati destinati.

Alla fine della fioritura si può procedere alla potatura per contenere le dimensioni e la vegetazione che in condizioni ottimali è esuberante e rigogliosa.

ESPERIENZE PERSONALI: Ho acquistato un piccolo arbusto di gelsomino alto circa 40 centimetri da destinare nel balcone, la prima cosa che ho fatto è stata quella di seguire il consiglio datomi dal giardiniere del vivaio, ho cambiato il vaso, ho scelto un vaso a vaschetta, di coccio e di dimensioni generose, sul fondo ho messo tre cm d’argilla espansa e sopra circa una ventina di cm di terriccio universale.
Il travaso è avvenuto nel mese di marzo, ho avuto cura di posizionare la pianta in una zona riparata dalle correnti e dal freddo prima della sua sistemazione definitiva.

Successivamente nel mese di maggio ho posto la pianta in una zona del balcone in cui il sole è presente solo alcune ore della giornata, ma che risulta essere molto luminosa.

Una cosa molto importante riguarda le innaffiature: il gelsomino ha bisogno di un terreno umido ma non inzuppato, evitare quindi di effettuare delle irrigazioni eccessive ed utilizzare una contenitore con un erogatore a pompetta tipo quello usato per gli sgrassatori , per bagnare il terreno in modo tale che lo strato più profondo si inumidisca, ma non si inzuppi, evitare nella maniera più assoluta il ristagno di acqua nel sottovaso.

Una buona abitudine che da giovamento alla pianta è quella di spruzzare le foglie con un nebulizzatore, questa operazione d’estate va effettuata giornalmente.

Evitare di mettere la pianta all’interno dell’appartamento, in questo caso incomincerebbe a perdere le foglie e a soffrire.

Per quanto riguarda la moltiplicazione, possiamo senza alcuna difficoltà riprodurre il gelsomino grazie alle talee che radicano abbastanza facilmente, bisogna avere l’accortezza di farle radicare in un contenitore che mantiene l’umidità, la moltipilcazione deve avvenire in ambiente tiepido e non ci devono essere sbalzi termici.

PREZZO: Il prezzo è contenuto, una pianta di 40 – 50 centimetri dal vivaista viene venduta ad un prezzo che va dai 10 ai 15 euro.

SVANTAGGI: Teme il sole diretto, l’acqua che ristagna, d’estate le foglie vanno spruzzate giornalmente.

VANTAGGI: Fiori profumatissimi, pianta ideale per coprire, adatta per siepi e balconi, facile da riprodurre, costo d’acquisto contenuto.

Durante la crescita la pianta necessita di una regolare concimazione che deve essere sospesa alla cessazione della fioritura.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>