Come lavorare come preparatore atletico

Il preparatore atletico è una figura professionale specializzata in diversi settori del fitness, quali il primo soccorso, la riabilitazione di atleti infortunati e la preparazione di regimi di allenamento funzionali agli obiettivi da raggiungere. Di seguito, sono elencati i passi per intraprendere questa carriera.

 

Istruzioni

  1. Seguire un percorso di studi mirato: E' necessario cominciare un percorso universitario, al termine del quale si consegue il diploma di laurea in scienze motorie, oppure frequentare l'Isef. Gli studi in questo settore permettono di sviluppare conoscenze sulla terapia fisica, sui regimi di allenamento, sull'anatomia e fisiologia del corpo umano, sulla riabilitazione e sulla chinesiologia.

  2. Molti preparatori atletici, al termine del percorso di studi obbligato, scelgono di svolgere un master in un campo specifico del loro settore o comunque si mantengono in costante aggiornamento, grazie a corsi triennali appositamente istituiti.

  3. Mantenersi in salute e buona forma fisica: Per essere d'ispirazione e di buon esempio per gli atleti, il preparatore deve badare molto alla propria forma fisica ed al proprio stato di salute. Deve avere un fisico ben curato ed allenato, infatti essere un preparatore atletico richiede molta resistenza fisica, forza e capacità di adattamento, soprattutto nel caso in cui si deve viaggiare molto e lavorare diverse ore al giorno.

  4. Sviluppare capacità di comunicazione e relazioni interpersonali: Un preparatore atletico, nel corso della sua attività, incontra numerose persone con le quali deve riuscire a comunicare al meglio in ogni occasione, senza mai perdere professionalità. Inoltre deve anche curare la presenza ed il decoro poiché continuamente si confronterà con medici ed esperti del campo sportivo, e non solo con atleti.

  5. Acquisire la capacità di trattare gli infortuni degli atleti e di formulare programmi di allenamento: Il preparatore che lavora con atleti professionisti deve cercare di prevenire ed evitare, per quanto possibile, infortuni fisici e deve essere in grado di trattare quelli che irrimediabilmente si verificano durante l'attività dell'atleta. Inoltre, il preparatore deve sviluppare programmi di allenamento e regimi dietetici, sia per i singoli che per i gruppi di atleti.

  6. Aggiornarsi sulle attrezzature e le nuove tecnologie: Il preparatore, oltre a fornire istruzioni di utilizzo dei vari attrezzi agli atleti, deve sempre mantenersi aggiornato sulle novità relative ai metodi di allenamento ed alle nuove attrezzature.

  7. Scegliere il settore d'impiego: Il preparatore atletico è una figura lavorativamente molto versatile, infatti può trovare impiego presso i licei, le squadre sportive a livello professionale, le università, l'esercito ed anche per conto di celebrità del mondo dello spettacolo.

il preparatore ton al lavoro_foto di alfio guarise

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>