Come catturare gamberi di fiume

I gamberi di fiume autoctoni italiani sono fondamentalmente di due tipi : il Austropotamobius Pellipes e gli Austropotamobius Italicus .
L’Italicus si divide in A , B e C .
Più raro risulta essere l’Austropotamobius torrentium presente in alcune zone del nord est e nelle alpi carniche .
Le caratteristiche tipiche dei gamberi di fiume italiani devono misurare minimo cinque centimetri e devono essere di colore bruno scuro .
L’habitat ideale per questi gamberi sono i piccoli torrenti montani , preferiscono quelli con poca vegetazione ma con molti sassi . I Gamberi ricaveranno da massi , sassi e radici la propria tana .
Trovare una tana di gambero è abbastanza facile .
Infatti bisognerà cercare sotto le zone di vegetazione ripariale oppure non di rado si trovano delle colonie molto profonde con uscite disposte a più livelli sulle rive dei fiumi .

Esistono tre metodi per catturare i gamberi di fiume : con le nasse , con i tramagli e a mani nude .

Il metodo delle nasse è sicuramente il più produttivo in quanto possono essere adoperate praticamente in ogni condizione . Risultano essere molto redditizie con acque mosse e torbide .
Le nasse solitamente riescono a catturare prede con una misura massima di sei centimetri .
Bisognerà inserire come esca , all’interno della nassa , mangime umido per animali domestrici oppure pesce d’acqua dolce o salata .
Vengono posizionate , solitamente , la notte per poi ritirarle la mattina seguente .
Un altro modo per catturare gamberi di fiume è l’utilizzo di tramagli , è comunque una tecnica abbastanza professionale . Infatti la rete non deve scendere molto in modo tale da non catturare anche gli esemplari di taglie più ridotte . Questa tecnica è importante per le specie alloctone .
La rete in questo modo potrà essere lasciato per più giorni .
Infine la tecnica a mani nude deve essere fatta di notte adoperando le torce per avere una buona visibilità .
Questa tecnica deve essere effettuata , però , in piccoli torrenti con una profondità di massimo cinquanta centimetri .

L’ A. Italicus è un gambero a lento accrescimento , infatti non arrivano a deporre più di centocinquanta uova . Inoltre è stato notato , ultimamente , la presenza di specie alloctone che rischiano di far estinguere i gamberi nostrani .
In quest’ottica bisogna moderare la pesca dei gamberi di fiume .

2 comments

Leave Comment
  1. alberto

    salve, vorrei avere un informazione, è possibile catturare questi gamberi liberamente? cioè senza licenza o permessi vari? grazie anticipatamente!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>