Come cambiare le corde al violino

Tra gli strumenti musicali più apprezzati vi è il violino. Questo strumento necessita però di una periodica manutenzione,perchè possa sempre di produrre un suono gradevole. Di tanto in tanto, ad esempio,è necessario sostituire le corde dello strumento. Questa pratica rappresenta una routine per i violinisti professionisti. Non altrettanto preparati a svolgere questa mansione potrebbero, però, essere gli allievi. Questi ultimi, se non rettamente istruiti, è bene che si astengano dal sostituire le corde al violino, in quanto potrebbero causare gravi danni allo strumento. E’ necessario sostituire una corda quando questa si rompe, a causa dell’usura, o quando non riproduce fedelmente le note desiderate. Innanzitutto è necessario rimuovere la corda rotta. A tal fine bisogna rilasciare la tensione, fintanto che la corda non sia del tutto allentata. Quindi, la si può togliere.Occorre, dunque, impostare la cordiera. Il modello base, solitamente usato dagli studenti, è comprensivo di quattro accordatori. Successivamente, bisogna scegliere il tipo di corda che andrà a sostituire quella rotta. Una valida alternativa è costituita dalla sostituzione di tutte le corde, altrimenti, sarebbe opportuno portare la corda rotta dal negoziante, il quale saprà distinguerla e conseguentemente consigliare quella più adatta. A questo punto, si può materialmente procedere all’operazione di sostituzione. A tal fine bisogna arrotolare la corda per poterla inserire nell’allocazione a destra dello strumento, poi spingere la punta di fronte tramite il piccolo foro del pirolo. Bisogna assicurarsi che la stringa sia stata inserita in maniera precisa. Si potrebbe decidere anche di modificare l’accordatura, in senso minore o maggiore, per migliorare il grip. Bisogna far si che il pirolo resti al suo posto, per evitare che si ingarbugli. Nel caso in cui ci si accorga che non si riesce a mantenere la melodia precedente, bisogna regolare il pirolo. Nel caso in cui le altre corde abbiano conservato la precedente tensione, agevolmente e velocemente do vrebbe essere possibile sintonizzare anche la nuova. Bisogna, altresì, ricordare che non appena installate le corde di violino manifestano la tendenza ad allungarsi. Ciò dipende dal fatto che le stringhe sono costituite da materiale sintetico.In questo caso, il consiglio migliore è costituito dal suonare la corda il più frequentemente possibile. Occorre far si che il violino si stabilizzi. Per un periodo anche io ho suonato il violino. Mi è, conseguentemente, capitato che si sia rotta una corda dello strumento. Io ho provveduto a sostituire la corda personalmente. Ho seguito i preziosi consigli del mio insegnante e l’operazione di sostituzione si è rivelata più agevole del previsto. Essendo il mio violino di dimensioni ridotte mi è stato consigliato di acquistare una corda di metallo tipo Piranito. Se il violino avesse avuto un valore maggiore, avrei usato la corda Pirastro eudoxa. I costi che ho dovuto affrontare sono stati davvero irrisori. Ho dovuto, infatti, solo acquistare la corda da sostituire. Ma anche qualora avessi deciso di rivolgermi ad un liutaio, non avrei sicuramente dovuto sborsare cifre elevate.

violino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>