Come avere un prato rigoglioso

Chi non ha mai desiderato avere un prato bello e rigoglioso come quello dei film americani? Immaginate quanto sia bello rilassarsi su si un bel prato e vedere i vostri figli che si divertono! Se è vero che un bel prato all’inglese ha bisogno di tante cure, è anche vero che avere un bel prato curato e rigoglioso non è una cosa impossibile.
In questa breve guida vi spiegherò come è possibile avere e mantenere un bel prato davanti casa.
Prima di iniziare, bisogna fare una considerazione su che tipo di terreno andremo a seminare il prato. Innanzitutto il terreno non deve essere troppo arido e argilloso, in questo caso, prima di passare alla semina del prato, bisognerà zappare un po’ il terreno e successivamente renderlo uniforma (in altre parole evitare che ci siano buche).
Fatto questo, possiamo passare alla fase successiva:la semina. Nella scelta dei semi dobbiamo considerare se il prato si trova in una zona ombreggiata o in una esposta sempre al sole. Esistono in commercio numerosissime varietà di sementi a seconda del terreno e della zona climatica ( i prezzi oscillano dai 7 ai 10 euro a confezione).
Ma quando cominciare la semina? I periodi migliori per la semina del prato sono l’inizio dell’autunno ( da settembre in poi) e la primavera (da marzo in poi); si tratta di periodi in cui la temperatura è mite e il sole non è troppo forte (rischierebbe di bruciare i semi e impedirne la germinazione).
Prima di passare alla fase della semina, accertiamoci che il terreno sia libero da erbacce e foglie secche che potrebbero “soffocare” il seme, dopodiché innaffiamo il terreno in modo che sarà più facile seminare il prato. la fase della semina può essere effettuata amano o con uno spargitore (prezzo circa 15 euro). In questa fase facciamo attenzione a spargere equamente su tutto il terreno i semi per evitare un effetto a “chiazze”. Finita la fase della semina, compattiamo il terreno (usando una vanga oppure delle tavolette di legno legate ai piedi) e procediamo ad innaffiare.
In questa prima fase, è importante innaffiare ogni giorno il prato fino alla germinazione dei semi. Ricordiamoci che il getto d’acqua deve essere molto delicato.
In questo periodo bisogna evitare di calpestare il terreno in quanto i germogli sono ancora delicati. Dopo circa 20 giorni, se tutto è stato eseguito correttamente, vedrete che l’erba sarà nata e gradualmente comincerà a crescere e ad espandersi lungo tutto il terreno. Fate passare almeno 40 giorni e procedete al primo taglio dell’erba. Per mantenere il vostro prato bello e rigoglioso è importante non dimenticare mai d’annaffiarlo nei mesi estivi e autunnali, mentre non è necessario in inverno e in primavera. Per innaffiare il vostro prato, potete utilizzare una pompa oppure acquistare un sistema d’irrigazione che automaticamente ogni giorno annaffierà il vostro prato (il prezzo varia dai 40 euro fino anche a superare i 200 per sistemi d’irrigazione più sofisticati. Il taglio del prato va fatto ogni due mesi circa e comunque ogni qualvolta vedrete che l’erba è cresciuta troppo.
Buon lavoro!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>