Come attivare GNOME Shell su Ubuntu 11.04

GNOME Shell è il cuore dell’interfaccia utente di GNOME a partire dalla versione 3, ed è stato rilasciato da relativamente poco tempo: il 6 aprile 2011.

Fornisce alcune utili funzioni, come la possibilità di passare velocemente da una finestra all’altra e lanciare applicazioni. Sostituisce il famoso GNOME Panel, più alcuni elementi rimasti uguali fin dalla versione 2 di GNOME, per regalare all’utente un’interfaccia che va al di là del normale desktop a cui si è abituati.

I componenti fondamentali di GNOME Shell sono Mutter, che è un window manager basato su Metacity, e Clutter, un toolkit che permette di ottenere interessanti effetti grafici sfruttando l’accelerazione hardware della scheda grafica.

I cambiamenti all’interfaccia utente sono numerosi. Tra gli altri si nota la presenza di una dock, che viene chiamata in questo caso “Dash”, e che permette di passare da una finestra all’altra in modo veloce.
Il nuovo window picker, simile all’Exposé di Apple, permette di cambiare e amministrare i workspace.
Altra caratteristica molto innovativa è l’eliminazione dei tre pulsanti nell’angolo delle finestre, che vengono ridotti ad uno solo, utilizzato per la chiusura. Infatti, la minimizzazione delle finestre viene gestita dai componenti nominati in precedenza.

Dopo questa veloce introduzione, si cercherà di spiegare il procedimento per installare GNOME Shell su Ubuntu 11.04, nel modo più dettagliato e semplice possibile.

Su Ubuntu 11.04 è possibile far funzionare sia Unity che GNOME Shell. Di default, però, viene attivato Unity, quindi per poter abilitare GNOME Shell bisogna fare qualche passaggio in più.

Prima di tutto, bisogna accertarsi che sul sistema sia installato GNOME 3, perché la versione 2 è incompatibile con GNOME Shell.
Se non si è sicuri, basta aprire la consolle e digitare
sudo apt-get install gnome3-session. Se non si usa apt-get da qualche tempo, è sempre meglio far precedere qualsiasi altro comando da
sudo apt-get update.
In caso si avessero problemi con i repository, basta aggiungerli con
sudo add-apt-repository ppa:ubuntu-desktop/gnome3-builds.

GNOME Shell è probabilmente già presente, a questo punto, ma per sicurezza si può lanciare, sempre da terminale, il comando
sudo apt-get install gnome-shell
e quindi
gnome-shell –replace.

A questo punto si riavvia il computer. Se è disabilitato il login automatico, si può scegliere GNOME Shell già dalla schermata iniziale, sotto al campo “password” nel menù a tendina posto lateralmente alla voce “sessione” e scegliere la voce “Ubuntu classico”.

Se invece è abilitato il login automatico, basta premere ALT+F2 e digitare “gnome-control-center”.
Quindi scegliere la linguetta “Schermata d’accesso”. Una volta sbloccata la possibilità di apportare modifiche alla configurazione ed inserita la password di amministratore, sarà possibile scegliere “Ubuntu classico” come “sessione predefinita”.

gnome-shell

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>