Come ascoltare la segreteria telefonica di altre persone

Poter violare una casella vocale è una cosa abbastanza semplice, allo stesso tempo è altrettanto semplice evitare che ciò accada.
Possiamo ascoltare i nostri messaggi vocali chiamando dal cellulare il numero telefonico che il gestore, con cui abbiamo intrapreso un contratto, dedica alla segreteria telefonica , attraverso un codice di accesso e il proprio numero, oppure chiamando da un telefono fisso il numero della segreteria telefonica centralizzata.
Se vogliamo contattare la nostra segreteria da remoto, bisognerà comporre il nostro numero cellulare preceduto da un codice di accesso di due o tre cifre, in base all’operatore che abbiamo scelto.
Altre volte il codice si dovrà digitare tra il prefisso e il nostro numero telefonico. Una volta che il messaggio di benvenuto risponderà alla chiamata, non si dovrà premere i tasti asterisco o cancelletto, in base alla modalità prefissa dal nostro gestore, digitare il codice in nostro possesso, e accedere alla funzionalità di segreteria telefonica.
Ad esempio, nel caso avessimo come gestore Wind, ed il nostro numero fosse 3281234567, basterà anteporre il codice 323 per poter ascoltare i messaggi in giacenza, anche utilizzando un’altra sim.
I codici, ovvero i Pin che i gestori danno agli utenti per il servizio di segreteria telefonica, sono uguali per tutti i contraenti, che si tratti di abbonamenti o di ricaricabili, tranne che per i servizi offerti da Tim (nella quale il servizio ha la necessità di essere attivato), e H3G (dove il codice di accesso corrisponde al pin della sim), a meno che, nella prima fase in cui ci accingiamo a configurare la nostra segreteria, non decidessimo di immettere il codice in modo personalizzato, cosa che la maggior parte di noi evita accuratamente di fare. Ecco quindi che qualsiasi persona a noi sconosciuta potrà facilmente interagire con la segreteria telefonica da remoto, approfittando della nostra ingenuità nel lasciare invariato il Pin che il gestore offre nella modalità preimpostata.

Nel caso in cui inavvertitamente ci siamo adoperati per cambiare il Pin per la fruizione della nostra segreteria, potremo comunque avvalerci dei nuovi ritrovati tecnologici per ovviare a questo imprevisto. Molti gestori, infatti, tendono a bypassare la richiesta del codice se questo è stato effettuato con lo stesso numero della suddetta segreteria. In tal caso basterà apparire come se fossimo l’utente stesso della nostra casella. A tal proposito correrà in nostro aiuto un economico programma usato soprattutto in ambito voip, chiamato Asterisk, un iplementazione libera di un software PBX, il quale ci consentirà di ottenere un “Caller Id Spoofing“, con il quale potremo modificare a piacimento l’identificativo della persona chiamante, sviando altresì al riconoscimento personalizzato di una qualsiasi segreteria telefonica, identificandoci quindi con il vero proprietario del numero da cui potremo acquisire informazioni. Tra il vasto universo delle applicazioni per android o per iphone c’è la molteplice possibilità di trovare programmi simili ad Asterisk, come Spoofapp, con cui potremo divertirci a fare scherzi ad amici e conoscenti, o a reperire chissà quale fantastica informazione.

telefono

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>