Come applicare la lacca sui capelli

Come si può applicare la lacca sui capelli? Come prima cosa è bene sottolineare che una buona riuscita deve avere come base la qualità del prodotto. Una volta acquistato, quindi, un prodotto di marca la cui efficacia sia riconosciuta unanimemente, si può procedere all’applicazione. Innanzitutto è necessario mettere in evidenza che non si deve nella maniera più assoluta appesantire i capelli, o si corre il rischio di trasformarli in una sorta di parrucca di una bambola. Allo stesso tempo, non si deve nemmeno essere eccessivamente modesti con le dosi, o non si raggiungerà nessun effetto. Come si mette la lacca? Bisogna tenerla a distanza di circa venti centimetri rispetto ai capelli. È importante, inoltre, metterla in un locale in cui siano assenti correnti d’aria: in caso contrario, il pericolo è quello di ottenere una distribuzione diversa sulle diverse parti dei capelli, visto che la lacca si disperderebbe per colpa del vento. Chi desidera capelli voluminosi deve sollevare i capelli, e abbassare la testa, così che essi rimangano ben distanziati dalla nuca. Bisogna rimanere così per almeno una decina di secondi, dopodiché ci si può rialzare, e si applica la lacca nei punti in cui si ha intenzione di avere il volume. È importante effettuare la scelta con la massima attenzione, visto e considerato che in seguito i capelli non potranno essere spazzolati, per evitare di rimuovere la lacca appena applicata. Chi invece vuole che siano le radici ad avere volume, deve avvicinare la lacca di una decina di centimetri rispetto alla testa, così che il getto possa essere indirizzato in maniera decisamente più precisa. Un suggerimento molto rilevante cui è opportuno prestare attenzione è che non bisogna assolutamente eccedere con la quantità di lacca applicata, perché si tratta di un prodotto che, se messo in dosi eccessive, fa seccare i capelli. Nel caso in cui si abbia intenzione di fissare la piega e renderla liscia, la lacca deve essere spruzzata su un pettine dotato di denti fitti, pettine che va passato lungo la lunghezza del capello. In questa situazione i capelli vanno divisi per ciocche, e l’applicazione della lacca deve essere ripetuta sul pettine per ogni ciocca. Il tutto deve essere fatto unicamente dopo aver utilizzato la piastra, e non prima. Ricordiamo che la lacca altro non è che un prodotto fissativo, il cui scopo è quello di tenere i capelli fermi, dando un tocco di stabilità all’intera acconciatura. La lacca, in sostanza, va messa nell’eventualità in cui si voglia tenere i capelli a posto per molto tempo, visto che la sua applicazione dura diverse ore. Essa, inoltre, può anche essere utilizzata per fissare la riga o la frangia. Possiamo distinguere diversi tipi di lacca, a seconda della destinazione: lacca a tenuta media, lacca a tenuta extraforte, lacca a tenuta leggera e lacca a tenuta forte. La differenza più rilevante tra un tipo di lacca e l’altro è data dalla stabilità. A differenza della spuma, si può eliminare la lacca semplicemente con pochi colpi di pettine. La lacca non appesantisce i capelli, e al tempo stesso riesce a proteggerli. Essa deve essere applicata con spruzzi piccoli e brevi, anche su capelli leggermente umidi per modellare a piacere le ciocche e mettere in pratica sui capelli la forma prediletta.

lacca

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>