Come far addormentare un neonato

La gioia e la felicità della nascita di un bambino non ha eguali, ma che fare se il piccolo non riesce a dormire? Vediamo quali sistemi adottare per tranquillizzarlo e farlo riposare bene, ma ricordiamoci che anche i neonati hanno il loro carattere e la loro indole, quindi non esiste un sistema universale che valga per tutti i neonati. Mezz’ora prima dell’ora dell’ultima poppata serale, facciamo un bagnetto al bambino, con molta calma, oltre che a pulire il piccolo, il bagno caldo deve servire a rilassarlo. Usiamo anche il suo carillon preferito e parliamogli dolcemente e a voce bassa quando è immerso nell’acqua. Tutto già pronto, culla e pigiama caldo e pulito, diamo la pappa al bimbo, sia che lo allattiamo al seno, sia che diamo il latte artificiale con il biberon. Svolgiamo questi gesti in una stanza tranquilla, non davanti la tv o con i fratellini o altri familiari che parlano e fanno rumori vari. Scegliamo la stanza dove il piccolo dormirà, accendiamo solo una piccola abatjour e culliamolo durante la poppata. Se questo sistema non dovesse risultare efficace, proviamo ad aumentare la dose serale di latte, spesso il neonato si sveglia in piena notte per la fame, soprattutto quando è allattato al seno, è risaputo infatti che il latte materno è più digeribile, quindi il piccolo sentirà prima l’esigenza di riempire nuovamente il suo pancino. La quantità di latte della poppata serale, ovviamente non si può aumentare a nostro piacimento, perché è il bimbo a decidere quanto mangiare, quindi se siamo proprio stremati dalle notti insonni, possiamo chiedere al pediatra di integrare la poppata serale con del latte artificiale. Personalmente a causa delle notti insonni ho sperimentato degli altri sistemi che sono risultati efficaci, ma hanno molti svantaggi. Avevo notato che il bambino si addormentava non appena salivamo in macchina, anche nel caso di brevi tragitti, così le sere che non riuscivo ad ottenere in nessun modo che si addormentasse, portavo il piccolo a fare una passeggiata in macchina, rientrando con la certezza di un suo sonno profondo e una mia notte di riposo. Un’altro sistema che ho adottato per favorire il sonno del neonato è molto tenero, ma a lungo andare potrebbe diventare una cattiva abitudine. Il bambino molto piccolo è particolarmente sensibile al tatto, soprattutto al contatto con la pelle della mamma, adagiare il bambino sulla pancia, in modo che senta il contatto fisico e il battito del cuore, suono che lo ha accompagnato per nove mesi, lo calma, lo rasserena e quindi stimola il suo sonno. Anche l’odore è importante per il neonato, quindi anche adagiare un nostro leggero indumento nella culla vicino al bambino, in maniera che senta il profumo della mamma, serve a tranquillizzarlo come se lei fosse tutta la notte vicino a lui. Sicuramente i primi due sistemi sono i più corretti e anche i più consigliati dai pediatri, mentre gli altri sistemi possono indurre il neonato a prendere brutte abitudini, come quella di dormire nel letto con mamma e papà o voler sempre in mano qualcosa di stoffa per riuscire a prendere sonno.

neonato

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>